Protesi dell’anca

La chirurgia protesica dell’anca trova indicazione nelle situazioni di degenerazione artrosica di livello avanzato (a essere coinvolta dal processo è la cartilagine articolare dell’anca) e, nello specifico, nei casi in cui i trattamenti conservativi non sono riusciti a migliorare la qualità della vita del paziente.

Caratterizzata dal dolore come sintomo principale, l’artrosi dell’anca può essere:

  • Primitiva, ossia dovuta in particolare all’invecchiamento dell’articolazione o al suo eccessivo sovraccarico;
  • Secondaria, ossia causata dalle conseguenze di traumi o malformazioni.

L’impianto di protesi all’anca si contraddistingue per un approccio sempre meno invasivo, caratterizzato innanzitutto da un’incisione chirurgica più contenuta. Il chirurgo, però, non si limita a questo. Per parlare correttamente di mini invasività nell’ambito della protesi all’anca è necessario considerare anche il risparmio dei tessuti e dei muscoli.

Con la chirurgia mini invasiva per la protesi dell’anca è inoltre possibile sperimentare una minor perdita di sangue, che si traduce in una più bassa necessità di auto trasfusione.

Articolazione artificiale che consente di sostituire quella naturale ormai rovinata, La protesi all’anca è formata da:

  • Coppa

Queste due componenti, nel corso dell’atto chirurgico, vengono inserite rispettivamente nell’acetabolo e nell’osso femorale. Da ricordare è anche la presenza, sullo stelo, della cosiddetta testina protesica. Quest’ultima dovrà poi articolarsi alla perfezione con la superficie interna della coppa acetabolare.

Per quanto riguarda i materiali, ricordo che la protesi all’anca è composta da:

  • Titanio, materiale dello stelo che scende nel canale femorale e della parte esterna della coppa acetabolare:
  • Polietilene/ceramica per la parte interna della suddetta coppa. La scelta tra questi due materiali cambia a seconda dell’età del paziente e della sua professione.

Durante l’atto chirurgico di impianto faccio ricorso alla via di accesso postero-laterale, che consente un’esposizione ampia, ideale soprattutto nei casi di grave deformità. Dal momento che la muscolatura glutea non viene disinserita, il paziente può apprezzare un percorso di riabilitazione rapido.

Dopo l’intervento, il paziente deve seguire alcune accortezze. In tal modo, riuscirà a rendere più agevole e meno fastidioso il decorso post operatorio. In seguito a un intervento di protesi all’anca con accesso postero-laterale è consigliabile:

  • Non incrociare mai le gambe quando ci si corica;
  • Quando ci si trova in posizione supina, tenere un cuscino ripiegato tra le cosce, così da facilitare l’abduzione degli arti;
  • Quando ci si corica sul fianco, evitare categoricamente di ruotare verso l’interno l’arto sottoposto all’intervento chirurgico. Anche in tale situazione, è opportuno tenere un cuscino

Struttura ad Alta Specializzazione
Personale qualificato e tecnologia all'avanguardia sono al vostro servizio.
© Copyrights 2022 - Clinica Santa Rita - privacy policy - dichiarazione dei cookie - trasparenza - GDPR - powered by IT Impresa